I SETTE COLLI DI ROMA

i sette colli di roma

UN ESPLORAZIONE DELLA CITTà DI rOMOLO, DAGLI ALBORI FINO AI GIORNI NOSTRI

Durante questo suggestivo tour seguiremo il corso della prima cinta muraria, le Mura Serviane (VI poi IV secolo a.C.) che includevano un territorio di sette colli, ed è proprio questo territorio, che secondo l'antica leggenda, fu scelto da Romolo per fondare la sua città. Vedremo maestosi antichi monumenti e resti dell'antica Roma, ma potremmo anche osservare con incredibile stupore, in che modo la città cambiò durante le epoche fino ad arrivare ai giorni nostri. Durata: 4h Percorso: ca. 7km Salite: ca. 104m Discese: ca. 99m Difficoltà: media

Mappa - Sette Colli_ritagliata

IL PERCORSO

Esquilino, Colle Oppio
L’Esquilino è il più alto e vasto dei sette colli, ed il Colle Oppio stesso è una delle sue tre alture. Oggi si presenta come parco archeologico dove si possono osservare i resti delle Terme di Traiano, la prima delle grandi terme pubbliche edificate a Roma durante il periodo imperiale. Nascosta sotto il parco del Colle Oppio esistono ancora i resti della Domus Aurea, la famosa villa di Nerone.
Colosseo
Edificato nel I secolo d.C., il Colosseo (oppure Amphitheatrum Flavium) per volere dell’imperatore Vespasiano. Il Colosseo è il più grande e suggestivo anfiteatro mai costruito al mondo. Basti pensare che ogni anno, il Colosseo viene visitato da più di 7 milioni di persone. Nell’Anfiteatro si svolgevano alcuni dei giochi più popolari e seguiti, come i famosi incontri tra gladiatori, le lotte con animali feroci, e quasi sicuramente delle naumachie (battaglie navali). Questo maestoso monumento lascia completamente il turista e i nativi della città eterna, letteralmente a bocca aperta.
Celio
Uno dei sette colli, il Celio in età romana fu utilizzato maggiormente per usi abitativi ma vi sorsero anche templi e giardini.
Porta di Celimontana
La parte più alta del colle si raggiunge passando attraverso la Porta di Celimontana (anche conosciuta come Arco di Dolabella), una delle poche porte ben conservate delle mura serviane.
Basilica dei Santi Giovanni e Paolo
Basilica minore dedicata ai santi martiri Giovanni e Paolo. Al di sotto della chiesa sono stati ritrovati svariati edifici databili ad un periodo tra il I ed il IV secolo d. C.
Tempio del Divo Claudio
Il Tempio fu edificato sul Celio per volere di Agrippina minore in onore del suo defunto marito, L’imperatore Claudio, che fu divinizzato dopo la sua morte. Questo imponente tempio ebbe un simile destino a tante altre strutture romane: Cadde in disuso e fu, con il passare dei secoli, riutilizzato in tanti modi fino a quando a partire dal XI secolo fu usato come fondamenta per un convento ed un campanile medievale.
Circo Massimo
Anche se oggi del Circo Massimo rimangono soltanto pochi resti archeologici, è ancora possibile immaginarsi la sua vastità ed imponenza. 600 metri di lunghezza per 140 metri di larghezza, in pratica lungo come cinque campi di calcio e largo due. Se si pensa che probabilmente è stato creato nel VI secolo a.C, possiamo già immaginare l’effetto che potrà farci vedendolo dal vivo. Si tratta infatti del più grande stadio per sport e giochi mai costruito nella storia, e con molta probabilità la valle in cui oggi si trovano i suoi resti è stato il primo luogo utilizzato dai Romani per svariati tipi di giochi, la corsa delle bighe era considerato il più seguito e spettacolare.
Palatino
Dal Circo Massimo si gode di una splendida vista sul Palatino. Il Palatino è uno dei sette colli di Roma ed è con molta probabilità il colle sul quale ebbe inizio la storia della città. Così narra la leggenda, ma sono anche tanti i resti archeologici a poter sostenere questa tesi. In epoca romana il Palatino è sempre stato il colle dove le famiglie più importanti costruivano le loro abitazioni, ed in età imperiale tanti degli imperatori vi edificavano i loro palazzi, le cui imponenti rovine sono visibili fino ai giorni nostri.
Aventino
L’Aventino è il colle situato più a sud e si affaccia direttamente sul Tevere. La leggenda vuole che questo era il colle scelto da Remo (fratello di Romolo) per la fondazione della sua città “Remuria”. In età repubblicana l’Aventino era luogo di abitazione soprattutto della Plebe, un quartiere piuttosto povero. Solo in età imperiale divenne popolare anche per il ceto più benestante. Oggi è ancora zona residenziale. Essendo molto verde e silenziosa, qui si trovano soprattutto eleganti ville e palazzi.
Buco della Serratura
Sull’Aventino si trova la Villa del Priorato di Malta, sede extraterritoriale dei cavalieri di Malta dal 1869. Annessa a tale villa c’è un bellissimo giardino con stupenda vista. Ma essendo extraterritoriale non è possibile per quasi nessuno visitarlo. Per chi è curioso comunque esiste la possibilità di “spiare” dentro al giardino dall’esterno, attraverso il “Buco di Roma”, il buco della serratura più famoso d’Italia.
Giardino degli Aranci
Questo piccolo parco dal vero nome “Parco Savello” occupa un’area in cui nel XIII secolo la famiglia nobiliare Savelli costruì un loro fortilizio. Oggi però è un bellissimo parco comunale famoso sopratutto per le tante piante di aranci amari che vi si trovano, e per la splendida vista che si gode dalla terrazza panoramica.
Foro Boario
Situato direttamente sulle sponde del Tevere ed in prossimità dell’antico porto, il Foro Boario in epoca romana era il luogo dove si svolse il mercato del bestiame. Qui si possono ammirare anche il bellissimo tempio di Ercole Vincitore (120 a.C.) e la famosa Bocca della Verità. Nel medioevo si fece strada la leggenda che fu Virgilio Grammatico, un erudito del VI secolo (omonimo del poeta mantovano), che aveva fama di praticare la magia, a costruire la Bocca della Verità, ad uso dei mariti e delle mogli che avessero dubitato della fedeltà del coniuge. Tutt’oggi ci sono file di persone che, per gioco, usanza, o per scaramanzia, testano la verità e le bugie, in caso di bugia, la mano veniva staccata con un morso dal mascherone.
Monte Capitolino
Il Campidoglio o Monte Capitolino è uno dei sette colli di Roma. Qui si trovavano in antichità alcuni dei più importanti templi come quello dedicato a Giove Capitolino. Da questo colle si gode di una meravigliosa vista su tutto il Foro Romano, il Palatino ed il Colosseo. Una delle viste più spettacolari al mondo, dove si possono vedere dall’alto, diverse epoche romane in poca distanza l’una dall’altra. La Piazza del Campidoglio, interamente risistemata da Michelangelo nel XVI secolo, comprende però molte sculture provenienti dalla Roma antica. Di particolare rilievo sono due statue oggi sostituite da copie, la statua equestre dell’imperatore Marco Aurelio e quella della Lupa Capitolina, con Romolo e Remo (fondatori di Roma).
Fori Imperiali
Costruiti tra il 46 a.C. ed il 113 d.C. i Fori Imperiali sono delle piazze monumentali voluti da Giulio Cesare e dagli imperatori Augusto, Nerva e Traiano. Servivano come ampliamento dell’area pubblica a fianco del Foro Romano, qui sorgevano templi, biblioteche e sale tribunali. Ma i fori erano anche pensati come luogo di propaganda. Fino ad oggi si può osservare sul Foro di Traiano la Colonna Traiana, una colonna trionfale che celebrava la conquista della Dacia. Anche qui, c’è un vero e proprio salto nel tempo delle varie epoche romane, scenari e storie imperdibili che lasciano senza fiato anche chi è nato nella Città Eterna ed ha avuto la possibilità di vederle più volte.
Quirinale
Il Quirinale è il colle situato più a nord dell’antica città di Roma. La leggenda vuole che durante l’era regia questo colle fosse abitato dai Sabini. Più tardi fu luogo di importanti templi e terme. Oggi il Quirinale è dominato sopratutto dalla Piazza ed il Palazzo del Quirinale, che dal 1946 funge come residenza del Presidente della Repubblica Italiana, prima di ciò era usata per pochi decadi da residenza ufficiale del Re d’Italia. Ma in origine questo bellissimo palazzo seicentesco fu costruito come residenza papale.
Viminale
Il Viminale è il più piccolo colle romano. Per molti secoli fu utilizzato primariamente come zona residenziale di medio ceto e non vi si trovano resti di importanti edifici religiosi o pubblici, fino a quando nel IV secolo l’imperatore Diocleziano vi edificò le più grandi e sontuose delle terme pubbliche romane. Con la caduta dell’impero queste terme così come tantissimi edifici romani caddero in disuso e per molti secoli servivano come cava fino a quando, nel cinquecento una parte fu trasformata in chiesa.

DA DOVE SI PARTE?

COSA OFFRIAMO

Monumenti Storici

Durante il tour ci fermeremo in vicinanza dei monumenti elencati nel percorso, dando la possibilità ai visitatori di osservarli più attentamente e da vicino e di fare delle fotografie.

Facile arrivo

Partiamo in Via delle Terme di Traiano, a 500 metri dalla stazione di Cavour e 800 metri dalla stazione Colosseo e finiamo a Piazza della Repubblica direttamente davanti alla stazione metro Repubblica e a 500 metri dalla stazione principale Termini.

Tour Guidato

Sarete accompagnati durante tutto il tour da una nostra guida che ad ogni stop vi racconterà la storia e le curiosità del monumento. Essendo i gruppi molto piccoli avrete anche la possibilità di rivolgerle le vostre domande.

Equipaggiamento

Per questo tour forniamo ai visitatori una bicicletta, il casco, una botigglietta d'acqua e a previa richiesta un seggiolino per bambini.

PREZZARIO

Scegli in che modalità vuoi fare il tuo tour dei Sette Colli di Roma e prenotalo qui.

Sette Colli
2 Persone +
€40/Persona
  • Bicicletta + Casco
  • Tour Guidato
  • Bottiglietta d'Acqua
Sette Colli Privato
2 Persone +
€55/Persona
  • Bicicletta + Casco
  • Guida Personale
  • Bottiglietta d'Acqua
Sette Colli Serale
2 Persone +
€45/Persona
  • Bicicletta + Casco
  • Tour Guidato
  • Bottiglietta d'Acqua
Sette Colli Serale Privato
2 Persone +
€60/Persona
  • Bicicletta + Casco
  • Guida Personale
  • Bottiglietta d'Acqua

Book Today

Aprile 2021
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
2930311234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293012

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>